TELE ONE: Le interviste di Lorenzo Gargano tratte dal TG Medianews a Monica Trupia e Maurizio Basta

E’ stata un successo la raccolta di generi alimentari e di prima necessità per i bambini organizzata dai Lions di Bagheria, al Supermercato del Centro Commerciale The Bagh – Bagheria Shopping Center lo scorso 4 febbraio. Decine di scatoloni pieni di ogni tipologia di beni indispensabili per i bambini, dagli omogeneizzati, ai pannolini, etc, è stato raccolto grazie alle tante persone che hanno aderito all’iniziativa, donando qualcosa che avevano appositamente comprato.
I bagheresi e le persone che hanno aderito hanno mostrato una grande generosità, in maniera trasversale a prescindere dalla loro condizione sociale, anzi, spesso i più generosi sono stati i meno abbienti.

I generi raccolti sono stati consegnati dal Presidente dei Lions Maurizio Basta e dagli altri membri a Padre Giovanni Lamendola, parroco della Chiesa Madre di Bagheria. Il materiale verrà distribuito dalla Caritas alle tantissime famiglie bisognose del quartiere.

“In una situazione così difficile per Bagheria, il compito di noi Lions e di fare ciò che è nelle nostre possibilità per rendere la situazione meno pesante- dichiara Maurizio Basta – siamo consapevoli che si tratta di una goccia nel mare, ma deve servire anche da stimolo per altri. Abbiamo pensato che in questo momento c’è bisogno di meno conferenze e meno parole e di più azioni e fatti concreti”.

Questa è soltanto una delle attività rivolte al sociale che i Lions da molti anni ormai attuano nel territorio. Nelle prossime settimane, tra gli altri, due importanti service che riguardano la salute verranno attivati a Bagheria, che consisteranno in visite gratuite alla vista e all’udito, effettuarte da medici specialisti. Già attivi invece i due service dei Lions in partenariato con le scuole di Bagheria, in cui si affrontano temi diversi a seconda delle età dei ragazzi. Con gli alunni delle scuole medie, grazie all’ausilio di esperti capaci, si affronta la tematica della violenza domestica e sulle donne; negli istituti superiori si affrontano temi importantissimi della salute e della prevenzione.

La raccolta di beni di prima neccessità ha però una finalità duplice, oltre a rappresentare un concreto aiuto per tante persone che ne hanno veramente bisogno infatti, è soprattutto un atto simbolico per provare a scuotere una società affetta dal torpore dell’ indifferenza, che corre senza voltarsi indietro, lasciando indietro troppe persone, con il loro carico di umanità e sofferenza.

La situazione della povertà a Bagheria è ai livelli di guardia da molto tempo, ma i segnali che arrivano da tutti gli operatori impegnati in prima linea sono preoccupanti, le famiglie bisognose sono troppe e aumentano. I loro sono i bisogni primari: cibo, medicine, etc.

Azioni nobili e trasparenti indirizzate a fornire un esempio di impegno civile di grande valenza simbolica, come quello che abbiamo raccontato, ci insegnano che di fronte alla sofferenza non bisogna mai voltarsi dall’altra parte, ma tendere una mano.

I commenti non sono possibili