Mercato di Vittoria: sequestrati circa 8 mila chili di ortaggi
freewheel.tv, 13755, RESELLER freewheel.tv, 24253, RESELLER freewheel.tv, 201681, RESELLER freewheel.tv, 325537, RESELLER freewheel.tv, 328705, RESELLER freewheel.tv, 328737, RESELLER freewheel.tv, 330081, RESELLER freewheel.tv, 13945, RESELLER freewheel.tv, 24269, RESELLER freewheel.tv, 201689, RESELLER freewheel.tv, 325553, RESELLER freewheel.tv, 328721, RESELLER freewheel.tv, 328753, RESELLER freewheel.tv, 330097, RESELLER pubmatic.com, 156035, RESELLER, 5d62403b186f2ace pubmatic.com, 120391, RESELLER, 5d62403b186f2ace smartadserver.com, 2058, RESELLER smartadserver.com, 2819, RESELLER adform.com, 1819, RESELLER improvedigital.com, 907, RESELLER rubiconproject.com, 16568, RESELLER, 0bfd66d529a55807 google.com, pub-7538555282033458, RESELLER, f08c47fec0942fa0 viralize.com, 2719, RESELLER

Mercato di Vittoria: sequestrati circa 8 mila chili di ortaggi

Circa 8 mila chilogrammi di ortaggi (zucchine, peperoni, pomodori, melanzane e cetrioli) sono stati sequestrati e poi confiscati dalla Squadra mobile di Ragusa e dal commissariato di Vittoria nel mercato ortofrutticolo per mancata tracciabilità del prodotto.

 

Il controllo aveva diversi obiettivi: tra gli altri, quello di verificare l’effettiva presenza dei titolari delle licenze e il rispetto delle normative in ordine ai prodotti ortofrutticoli commercializzati, in particolare la loro provenienza, per tutelare i consumatori e gli stessi produttori e i commercianti.




In particolare due sono stati i box al centro dell’ispezione. In uno i poliziotti hanno trovato 4 lavoratori irregolari e per questo motivo è stata sospesa l’attività al titolare e multato di 15 mila euro.

Tra i presenti nel mercato c’erano anche alcuni pregiudicati di Vittoria che sostenevano di essere solo dei commercianti di prodotti ortofrutticoli senza però riuscire a dimostrare la loro attività, pertanto sono in corso ulteriori verifiche da parte dei poliziotti sulla loro presenza proprio all’interno del box.

Ai controlli ha partecipato personale del Corpo forestale e dell’ispettorato antifrode della Regione, dell’Ispettorato del lavoro e del ministero per le Politiche agricole.

Dopo che personale della Sezione antifrode ha attestato che i prodotti potevano essere utilizzati per alimentazione umana, la Polizia di Stato, applicando un accordo tra il questore di Ragusa e la Caritas, ha devoluto i prodotti sequestrati all’associazione di volontariato e assistenza da destinare ai bisognosi della provincia di Ragusa.

I commenti non sono possibili