Bagheria. Stop al volantinaggio selvaggio

Stop a volantinaggio selvaggio.

 

Il sindaco di Bagheria, Patrizio Cinque, ha firmato, stamani un’ordinanza che vieta il volantinaggio in tutto il territorio comunale in qualsiasi forma, compresa la distribuzione porta a porta. Il volantinaggio è tra le cause di accumulo di rifiuti cartacei e contribuisce all’aumento del degrado urbano, aumentando anche i costi per la comunità.

Una decisione importante per la collettività bagherese, dato che l’intero territorio comunale appare costantemente invaso da un’ondata di rifiuti cartacei che, anche a causa del vento, invadono le strade cittadine dando un segnale di degrado ed incuria.

E’ una notizia che sicuramente non piacerà ai tanti commercianti che fanno delle promozioni diffuse in forma cartacea il meccanismo principale di marketing della propria attività, ma, sicuramente è una presa di posizione dovuta da parte dell’Amministrazione dato che il fenomeno era cresciuto a livelli non più gestibili.

Pesanti le sanzioni imposte dall’amministrazione comunale: Le società e le attività che si occupano di tale sistema pubblicitario se violeranno il divieto saranno soggette ad una multa che va da 206 a 1540 euro.

Multato anche il personale che verrà colto in flagranza di violazione dell’ordinanza con una multa che va da 25 a 500 euro, oltre che all’obbligo di un eventuale ripristino dello stato dei luoghi.

Il comando di polizia municipale e le forze dell’ordine vigileranno sul rispetto del divieto di distribuire su tutto il territorio cittadino volantini, opuscoli, flyers e manifesti pubblicitari lasciandoli sotto i portoni di accesso degli edifici, nei portoni o negli spazi antistanti alle abitazioni private. Non si potranno neanche distribuire tali materiali promozionali agli automobilisti agli incroci delle strade, così come non potranno essere lanciati sul territorio.

«La distribuzione di volantini rappresenta un aggravio ulteriore alla già grave situazione precaria che accomuna i siti di stoccaggio dei rifiuti solidi urbani in Sicilia e lo smaltimento di tale distribuzione»– sottolinea il sindaco Cinque – «E’ obiettivo primario di questa amministrazione mantenere il decoro urbano e l’igiene pubblica. Anche questa decisione va in questa direzione».

I commenti non sono possibili