TELE ONE canale 19: SICILIA SERA – Filippo CUCINA parla con Claudia MANNINO (referente per i Verdi delle politiche per il meridione), Paola PUMA (Portavoce Federazione Verdi Palermo) e con Filippo OCCHIPINTI (Portavoce cittadino dei Verdi) della richiesta, avanzata al Presidente della Commissione antimafia regionale Claudio FAVA, di aprire un’indagine sugli allagamenti di alcuni territori del palermitano e, in particolare, di Partanna Mondello e della proposta di un nuovo ddl sulla gestione dei rifiuti. “Nei giorni scorsi una delegazione della federazione dei Verdi Sicilia ha incontrato il Presidente della Commissione antimafia regionale Claudio FAVA per proporgli un ddl che vuole anticipare in Sicilia quanto già stabilito dalle recenti direttive europee in tema di economia circolare e gestione dei rifiuti”. Inoltre, al Presidente della Commissione regionale, è stato chiesto “di aprire un’indagine riguardo gli allagamenti di alcuni territori del palermitano al fine di individuare le cause che hanno determinato il ritardo negli interventi, da tempo programmati, che si creano a seguito di precipitazioni piovose; le zone che le chiediamo di valutare sono: la zona nord est di Palermo, in particolare in prossimità del rione di Partanna Mondello ed il sottopasso tra via Imera e via Colonna Rotta. I puntuali allagamenti di queste strade mettono a rischio l’incolumità dei residenti, non permettono l’intervento dei mezzi di soccorso e creano danni ingenti ad abitazioni e automobili. In particolare si chiede di verificare se i suddetti ritardi siano stati causati da interessi di natura privata e/o speculativa, anche alla luce della recente sentenza di condanna, emessa dal Tribunale di Palermo, nei confronti di tecnici, professionisti e privati cittadini, per il mancato rispetto delle principali norme urbanistiche e ambientali”. Il Presidente Fava, in data 13 novembre 2018, ha comunicato di avere trasmesso, in merito agli allagamenti del palermitano, una nota al Sindaco di Palermo e al Procuratore Capo della Repubblica presso il Tribunale di Palermo.

Categoria:

Mediaone

I commenti non sono possibili