Ritiro cozze italiane contaminate dal colera: è allarme. Marca e lotto

Cozze contaminate dal vibrione del colera. Nuovo richiamo da parte del Ministero della salute, che ha tolto dal mercato un lotto di cozze in cui era presente l’agente patogeno.

Ancora un ritiro da parte delle autorità ministeriali. Le cozze richiamate provengono da un allevamento situato nel Golfo di Oristano, in Sardegna. Il produttore è CBA Arborea con sede nell’omonima località, in Loc. Corrumannu, Strada 17 ovest.

Un’allerta circoscritta ma che fa paura visto che il vibrione del colera causa una violenta infezione batterica caratterizzata da nausea, vomito, crampi alle gambe e disidratazione. I sintomi sono dovuti alla produzione di una tossina che richiama acqua a livello intestinale. Il contagio avviene soprattutto per ingestione di cibo o liquidi contaminati da feci infette.

Le cozze contaminate sono quelle della confezione in rete da 1 kg, il lotto è quello contraddistinto dal codice NS-183778-17 con data di confezionamento 17-11-2018.

Se le avete acquistate, evitate assolutamente di consumarle visto il rischio a cui si può andare incontro. Le cozze, in generale, sarebbe proprio meglio evitarle a prescindere dall’allerta in questione.

La replica del produttore

Nieddittas ha fatto sapere che il vibrione potenzialmente patogeno sarebbe stato individuato in un campione del prodotto prelevato oltre un mese fa dalla ASL Toscana presso un esercizio commerciale a Massa

“Ci conforta sapere che nessuna conseguenza dannosa risulta si sia verificata nella zona nei soggetti che hanno consumato il prodotto in questione. L’azienda garantisce comunque la propria più assoluta disponibilità per assicurare, insieme alle Amministrazioni competenti, l’assenza di qualunque rischio per i consumatori e, nell’immediato, ha sospeso la produzione di cozze nel sito di provenienza del lotto dal quale è stato estratto il campione”.

Ci lascia pensare che l’avviso di richiamo da parte del Ministero sia arrivato a un mese di distanza. (tratto da greenme.it)

I commenti non sono possibili