Aereo caduto in Etiopia: a bordo anche Sebastiano Tusa

Sebastiano Tusa, Assessore ai Beni Culturali per la Regione Siciliana e professore di Paletnologia presso l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli è tra le vittime del tragico incidente dell’aereo diretto in Kenya.

Il Boeing 737 della Ethiopian Airlines è precipitato questa mattina con 157 persone a bordo.
L’aereo era decollato alle 8.36 (ora locale) dalla capitale etiope Addis Abeba diretto a Nairobi, in Kenya. Sei minuti dopo la partenza, alle 8.44, il drammatico schianto.

Il Boeing è precipitato in un’area che si trova 62 chilometri a sud-ovest dalla capitale etiope.

A bordo 149 passeggeri e 8 membri dell’equipaggio. Nessuno è sopravvissuto.

Sulla lista passeggeri c’erano anche 8 cittadini italiani. Ancora da chiarire le cause dell’incidente. Il comandate aveva immediatamente dopo la partenza segnalato un problema chiedendo di poter rientrare ad Addis Abeba.


La tragica scomparsa dell’assessore Sebastiano Tusa, il cordoglio del presidente Nello Musumeci e del governo regionale.


“Ho appena ricevuto la conferma ufficiale dell’Unità di crisi del ministero degli Esteri: l’assessore Sebastiano Tusa era sull’aereo precipitato in Etiopia. Sono distrutto. E’ una tragedia terribile, alla quale non riesco ancora a credere: rimango ammutolito. Perdo un amico, un lavoratore instancabile, un assessore di grande capacità ed equilibrio, che stava andando in Kenya per lavoro. Un uomo onesto e perbene, che amava la Sicilia come pochi. Un indimenticabile protagonista delle migliori politiche culturali dell’Isola”.
E’ il messaggio di cordoglio del Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, per l’improvvisa scomparsa dell’assessore ai Beni culturali Sebastiano Tusa, vittima dell’incidente aereo di stamane.



Lagalla : “Un uomo giusto, innamorato della sua terra”.
“Il governo della Regione perde un autorevole esponente, la Sicilia un proprio figlio impegnato e competente, molti di noi un amico sincero e leale. La scomparsa di Sebastiano Tusa, così inaspettata e così tragica, ci consegna un lutto vivo ed angosciante ed un’eredità carica di responsabilità nel segno del Suo costante impegno e della Sua duratura memoria.
Nel regno dei Più lo accompagni il nostro ricordo e la nostra preghiera; a noi che restiamo rimanga vivo l’esempio di un uomo giusto, profondamente innamorato della sua terra, del suo lavoro e della cultura classica”.
 

Razza: “Ci ha dato linfa vitale per affermare la bellezza della Sicilia. Mi mancherai “.
“Sebastiano Tusa è stato un uomo straordinario, dotato di umanità e coraggio. In questi anni il suo contributo di idee e di passione ci ha dato linfa vitale per affermare l’idea di una Sicilia che ha dentro di sè la sua più grande ricchezza: la bellezza. Mi mancherai moltissimo, Sebastiano”.


Falcone: “Insostituibile il suo contributo fatto di intelligenza e garbo”.
“La morte di Sebastiano Tusa ci lascia senza parole. Ho conosciuto una persona dalle grandi qualità umane, prima ancora che studioso di statura internazionale e ottimo assessore, capace di intervenire con una visione di ampio respiro nel campo dei Beni culturali. Condividere con Sebastiano l’esperienza di governo è stato un onore, la sua assenza sarà un vuoto profondo, così come resterà insostituibile il suo contributo di intelligenza, garbo, rigore e profonda conoscenza», ha concluso l’assessore”.
 

Turano: “Smarrito e attonito per morte Tusa”.
“Sono smarrito e attonito, Sebastiano Tusa ha lasciato un segno indelebile in tutti coloro che lo hanno incontrato e conosciuto. Questa tragedia ci priva di una personalità di altissimo livello, sarà difficile per la nostra terra e per il mondo culturale italiano fare i conti con la sua scomparsa.”
 

Bandiera: “Molti di noi perdono un amico perbene, straordinariamente competente, mite”.
“Conobbi Sebastiano Tusa su un pontile galleggiante del porto piccolo di Siracusa, diversi anni fa. Lui, Soprintendente del mare, io, giovane presidente del consiglio comunale della città. Trasudava di passione e cultura, messe insieme. Seguiva e curava lavori in quel sito. Da lì un rapporto umano scoccato, una amicizia sana, cementata dall’amore comune per il mare e per le bellezze della nostra meravigliosa terra. Poi, ed è storia recente, il lavoro insieme nel Governo della Regione. Il vinitaly vissuto a stretto gomito, con l’intento, perfettamente riuscito, di far comprendere agli osservatori di tutto il mondo, che la Sicilia è una, ma anche tante. Fummo la regione più apprezzata. In cantiere, ancora oggi, alcune iniziative, ancora insieme. Le porteremo avanti, anche nel suo nome e con la consapevolezza del grande dono che è stato, averlo conosciuto”.
 

Cordaro: “Tusa, un vero gentiluomo”.
“In questi mesi (nella tua Ustica, come nel corso delle giunte di governo) ho imparato ad apprezzare la tua cifra di eccelso uomo di cultura, di ottimo assessore, ma su tutto di grande signore. Caro Sebastiano, é stato un privilegio lavorare insieme a te”.

Categoria:

Mediaone

Tags:

I commenti non sono possibili