Rapine violente in casa di anziani, 5 arresti a Ragusa

Sceglievano le vittime con molta cura: più erano anziani e malati e meglio era. Entravano in casa, li immobilizzavano e si facevano consegnare soldi e oro. Se opponevano resistenza o non collaboravano li picchiavano con schiaffi e calci, arrivando anche a legarli al letto fino a che cedevano.

Al termine dell’operazione “Safety home”, cinque persone, tre uomini e due donne, sono state arrestate dagli uomini della Squadra mobile di Ragusa e del commissariato di Vittoria.

I criminali erano ormai diventati l’incubo della provincia, e finalmente, dopo mesi di intense indagini, sono finiti in carcere con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di rapine in abitazione e furti.

L’attività investigativa è iniziata nel gennaio 2013 quando l’associazione criminale che fino a quel momento si dedicava alle attività commerciali, decise di spostare il proprio target, cominciando ad effettuare rapine in casa di persone anziane.

Gli arrestati sono sospettati di almeno 18 raid portati a termine nella provincia di Ragusa, nella quale tutti e cinque sono nati e risiedono. In particolar modo agivano nei comuni di Vittoria e Chiaramonte Gulfi.

TELE ONE, in Sicilia can.19 Digitale Terrestre

www.teleone.it

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.