Coronavirus, migrante infetta ma senza tampone a Palermo: paura al Civico, test per medici e degenti

La paura torna a farsi sentire. L’incubo coronavirus che sembrava ormai appartenere al passato torna prepotente nel pieno dell’estate. E adesso si teme anche che a Palermo possa avere infettato i reparti di due grandi ospedali, come scrive Virgilio Fagone sul Giornale di Sicilia in edicola.

All’ostetricia del Civico una donna somala positiva al Covid giunta da Lampedusa è rimasta ricoverata per tre giorni senza che nessuno la sottoponesse a tampone, mentre alla ginecologia dell’Ingrassia pochi giorni fa è stato dato lo stop a ricoveri e attività ambulatoriali a causa della presenza di una marocchina affetta da coronavirus. Così come avvenuto nelle ultime ore, anche stamattinaverranno effettuate decine di test a personale medico e a degenti dei reparti dai quali sono passate le donne africane.

Dunque l’ansia è tanta e si dovrà aspettare per scongiurare il timore di altri contagi. Al Civico ieri è stata compiuta la sanificazione straordinaria. Ma il reparto è aperto.

Sul caso ieri è intervenuto il Cimo, il sindacato dei medici. «Il caso della donna gravida ricoverata all’ostetricia dell’Arnas Civico dimostra che l’inaffidabilità dei test sierologici – commenta Angelo Collodoro, vicesegretario regionale del Cimo -. Sono stati commessi errori a catena. Non doveva entrare in reparto se non dopo pre-triage e tampone che è stato praticato casualmente solo dopo 2 giorni. Il personale dell’Arnas attende da 24 ore direttive dall’azienda sul comportamento da tenere ovvero se praticare tamponi piuttosto che andare in quarantena o meno. Assordante il silenzio dell’azienda nei confronti del personale sanitario e dei ricoverati che per 2 giorni sono rimasti a contatto con la malata in un reparto già affollato per la chiusura dell’ostetricia dell’ospedale Ingrassia a causa di una paziente cosiddetta positiva».

Pronta la replica del Civico: «Sin dalle prime ore di sabato sera la direzione sanitaria di presidio è stata allertata dal direttore della unità operativa coinvolta. Di concerto con la direzione strategica sono state immediatamente impartite le direttive operative volte al controllo del caso: trasferimento immediato della degente positiva, isolamento della donna poi dimessa, sanificazione degli ambienti che sono stati nuovamente e più approfonditamente ripetuti domenica da parte della ditta incaricata. Le attività sono proseguite in sicurezza (4 parti portati a buon fine nella notte). Gli operatori hanno intrapreso il percorso di sorveglianza previsto e sono stati effettuati i primi 25 tamponi sul personale montante in servizio nella previsione di una copertura di verifica a tappeto per tutto il reparto da ripetere anche nei prossimi giorni tenendo conto dei tempi di incubazione previsti. Lo stesso valga per le degenti ricoverate. Indicazioni precise in merito sono state inviate dalla direzione medica di presidio, sentita la direzione aziendale, oltre al titolare di reparto, al responsabile della sicurezza aziendale e al servizio di sorveglianza sanitaria». (gds)

(Visited 1 times, 1 visits today)

You might be interested in

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *