Palermo: Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

Palermo: Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

Tele One, in Sicilia canale19 Digitale Terrestre. Notizie e curiosità da tutti i comuni siciliani con aggiornamenti live. Cronaca live, rubriche sul Palermo Calcio. Per info e pubblicità 091 333660

Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

L’hanno chiamata “operazione Express service”. Tre palermitani – un uomo e due donne – sono stati arrestati con l’accusa di avere gestito tre case di prostituzione in centro. La polizia ha scoperto nelle scorse ore un vasto giro di escort: a finire in manette Felice Gambino, di 37 anni, Rita Barrile (34), Maria Arena (38). I poliziotti hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip presso il Tribunale di Palermo su richiesta della Procura della Repubblica. Tutti e tre sono ritenuti responsabili dei reati di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Invece è stato notificato l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria ad una quarta persona, una donna 32 anni, per aver dato in affitto agli arrestati un immobile utilizzato poi per l’attività illecite.

“Attraverso le indagini condotte dalla Squadra Mobile e coordinate dalla Procura della Repubblica – spiegano dalla questura – è stato scoperto un giro di escort che coinvolgeva numerose ragazze: dieci palermitane e una rumena. Le donne si prostituivano all’interno di appartamenti messi a disposizione dalle persone che sono state arrestate oggi. In alcuni casi le donne venivano anche accompagnate a casa dei clienti, in modo da assecondare le loro esigenze”.

Le prestazioni avevano un costo variabile da 30 a 100 euro in relazione al tipo di servizio richiesto. “Una percentuale – hanno spiegato dalla polizia – andava ai tre che sono stati arrestati oggi”. Nel corso dell’operazione gli agenti hanno inoltre sottoposto a sequestro un immobile in via Gaspare Serenario, nella zona di via Dante, che era utilizzato per gli incontri e a un altro in via Andrea Chiaramonte, zona Policlinico.

Dagli uffici di polizia aggiungono: “Dalle indagini è emerso che i destinatari della misura cautelare svolgevano una vera e propria opera di intermediazione con i clienti, pubblicando annunci su siti internet, pubblicizzando le ragazze a loro disposizione e prendendo per loro gli appuntamenti”

(Visited 1 times, 1 visits today)

You might be interested in

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *